Considerate…

Ispirata a “Se questo è un uomo” di Primo Levi

Considerate se è un uomo
Colui che aggredisce
Umilia e tortura
I suoi simili inermi:
Ognuno nasce
Dal ventre di una donna.
Se questo è un uomo
Io non voglio essere lui
Né lo siano i figli miei.
Meglio morire deriso nel fango
Rannicchiato come un bambino,
Senza più lacrime.

Considerate se è una donna
Colei che infierisce
Dileggia e tortura
Creature indifese:
Ognuno nasce
Partorito da una madre.
Se questa è una donna
Io non voglio essere lei
Né lo siano i figli miei.
Meglio morire stuprata nel fango
Con il ventre sterile,
Senza più lacrime.

Giovanna Rotondo Stuart