Oggi come allora

Luglio 2015
In questi giorni di caldo intenso, come spesso mi accade, ho nella mente il pianto di un bimbo che da anni mi accompagna. Oggi, la storia di un altro bimbo ha sconvolto il mio cuore e sono andata a cercare le poche righe che avevo scritto allora:

giugno 1981
Sentivo le lacrime pungermi gli occhi: “Mi scusi, penso che piangerò”. Avevo detto al medico che mi assisteva.
Tutta la notte senza poter dormire. Avevo negli orecchi il pianto del bimbo in fondo al pozzo. Lo sentivo nel mio cuore. L’ho preso per mano, l’ho accarezzato, gli ho parlato, gli ho sussurrato le storie che raccontavo ai miei bambini:
“Bimbo bello e caro. Bimbo mio che Dio ti aiuti”.
Per giorni non ho voluto sentire, né sapere. Stesa al buio, senza cuscino, incapace di riposare, sconvolta dal malessere non pensavo che a lui: “Bimbo caro. Bimbo mio. Vorrei scaldarti, cullarti”.

Annunci

4 Pensieri su &Idquo;Oggi come allora

  1. Sono state giornate e nottate angoscianti passate davanti alla televisione, il povero Alfredino era giu nel pozzo e tutti volevamo soccorrerlo! Io avevo tra le braccia Elena di non ancora due mesi e insieme seguivamo la cronaca di quella tragedia.

    Inviato da iPad

    >

  2. Finally something from you. Your visit? I has been very sad. It’s OK..Explain ,please. I am going to translate it with my friend Dino. He likes to help me. The poor man is blind. Thank you for mailing me again. Love, Beatriz

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...